In cantina

Il nostro lavoro in cantina

Ormai da venticinque anni si persegue il lavoro fatto in campagna eliminando totalmente ogni prodotto estraneo al vino come lieviti selezionati chimicamente, enzimi, mosti concentrati, acidificanti e quant’altro. Lo stesso vale per pratiche come filtrazione e chiarificazione.

Nella maggior parte dei nostri vini non si effettua più utilizzo di anidride solforosa, salvo in annate in cui le condizioni di integrità dell’uva non lo permettono.

Tutte le fermentazione si svolgono spontaneamente, con lieviti indigeni, con minuziosi lavori di pulizia dei vasi vinari ed accorgimenti per garantire l’integrità del prodotto. Viene monitorata la temperatura di fermentazione e in caso di eccessivo innalzamento viene mantenuta a livelli idonei per la vita dei lieviti.

Il vino così ottenuto, consumato con moderazione, acquisisce valevoli proprietà nutraceutiche, date dai componenti antiossidanti di derivazione naturale.

Angiolino-Maule
LA FILOSOFIA

di Angiolino Maule

“Accetto e difendo quello che la terra mi dà senza correggere, aggiungere o sottrarre per avere di più. Sono sempre stato convinto che la mia terra e il mio vitigno siano tra le cose piu’ importanti. Una grande terra e un grande vitigno non hanno bisogno di aiuti chimici dall’esterno. 

La soddisfazione di produrre vini naturali e nello stesso tempo buoni ti fa stare bene e ti fa guardare in faccia il consumatore con serenità. Ho faticato molti anni per trovare chi potesse capire che cosa vuol dire un vino naturale.”

firma-angiolino-maule
«Lavoriamo in prima linea i nostri vigneti e lasciamo che l’uva
lavori per noi e riposi il tempo che serve in cantina»